Immagina un posto di lavoro in cui puoi esprimere i tuoi talenti e sentirti profondamente connesso con l’azienda. Come ti sentiresti?
Ti sentiresti bene e proveresti il tuo stato di flow ovvero lo “stato del flusso”.
Uno dei fondatori della psicologia positiva, Mihály Csíkszentmihály, definisce lo ‘stato di flusso’, come momenti in cui si è totalmente assorbiti da un compito fattibile che procura una sorta di circolo positivo tra emozioni ed azioni.
In questo stato, puoi sentirti fortemente coinvolto lavorando volontariamente su qualcosa di difficile, utile e significativo pur avendo ben chiari i tuoi limiti ma con la voglia di metterti alla prova e di sfidarti positivamente a crescere sia come persona che come lavoratore.

Per garantirti lo stato di flow devi perseguire 8 caratteristiche:
1. Gli obiettivi devono essere chiari
2. Il feedback deve essere diretto e istantaneo
3. Ci deve essere un equilibrio tra difficoltà e abilità
4. Si deve avere il controllo sul compito
5. L’ attenzione e la concentrazione devono essere profonde
6. Devi accorgerti di perdere la cognizione del tempo
7. Devi lavorare con piacere e avere voglia di fare sempre meglio
8. Ci deve essere disinvoltura e facilità nello svolgere il compito

Di solito, puoi avvertire in maniera casuale lo stato di flow, ad esempio quando fai qualcosa che ami profondamente e ti rendi conto delle ore passate sul progeto/compito/lavoro che invece sembrano minuti.

Lo stato di flow si può perseguire sempre sia in privato che al lavoro. In ambito aziendale, le aziende possono creare ambienti propizi che lo facilitino.

Avere un posto di lavoro dove tutti si sentono in armonia con il saper essere e il saper fare, in cui potersi esprimere e mettere a frutto la propria unicità, mette il turbo ai tuoi affari!

Nel prossimo articolo ti daremo qualche suggerimento sia per portare te e i tuoi dipendenti allo stato di flow, sia per riuscire a mantenerlo stabilmente.

Se non puoi aspettare contattaci qui   …intanto vieni a conoscerci sulla nostra pagina facebook

A presto

Alessia, Claudia e Barbara

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *